Si può usare il gas esilarante per curare la depressione? — 2022

Immagini di tendenza. La risata potrebbe davvero essere la migliore medicina - beh, una specie di. Un nuovo studio pubblicato mercoledì in Scienza Medicina traslazionale mostra che il protossido di azoto (noto anche come gas esilarante) può aiutare ridurre i sintomi della depressione in individui che potrebbe non rispondere ad altri farmaci . Potresti aver ricevuto gas esilarante durante una procedura dentale o anche durante il parto: è un leggero gas sedativo che rallenta il sistema nervoso e attenua il dolore, facendo sentire i pazienti più a loro agio e meno inibiti. Ma ora sta mostrando risultati promettenti nel trattamento della depressione. 'Gli effetti dopo una singola somministrazione sono durati per due intere settimane', il dottor Peter Nagele, MD, uno dei coautori dello studio e professore di psichiatria e neuroscienze comportamentali presso l'Università di Chicago, ha detto Science Alert . 'Questo non è mai stato mostrato prima. È una scoperta molto interessante.'AnnuncioI medici hanno esaminato per la prima volta l'uso del gas esilarante come antidepressivo in uno studio proof-of-concept del 2015. Questo studio iniziale ha dimostrato che l'inalazione di protossido di azoto al 50% può essere efficace, ma con la sua nuova ricerca, il dott. Nagele ha voluto indagare se gli effetti possono essere duraturi e se un dosaggio inferiore può produrre risultati simili. I coautori dello studio hanno confermato che i pazienti che hanno inalato il 50% e il 25% di protossido di azoto hanno avuto risultati positivi simili, ma gli individui che hanno ricevuto un dosaggio inferiore hanno riportato meno effetti collaterali. 'Abbiamo bisogno dell'accettazione da parte della più ampia comunità medica affinché questo diventi un trattamento effettivamente disponibile per i pazienti nel mondo reale', ha affermato il dott. Nagele. 'La maggior parte degli psichiatri non ha familiarità con il protossido di azoto o come somministrarlo, quindi dovremo mostrare alla comunità come fornire questo trattamento in modo sicuro ed efficace. I coautori sono stati anche galvanizzati da una recente ricerca che dimostra che la ketamina può alleviare i sintomi della depressione. Mentre molti antidepressivi tradizionali agiscono aumentando la serotonina, che alla fine ha un impatto sul neurotrasmettitore glutammato, la ketamina prende di mira i recettori N-metil-D-aspartato del cervello e consente la formazione di nuove sinapsi nella corteccia frontale. Per questo motivo, la ketamina funziona immediatamente. 'La rapidità della ketamina nel produrre un effetto antidepressivo si verifica perché questo farmaco aggira la tradizionale via della serotonina e va direttamente all'attivazione del glutammato,' Il dottor Alexander Papp, MD, ha detto alla UC San Diego Health . Il dottor Nagele ha descritto la rivelazione come una delle più grandi scoperte recenti nella ricerca sulla depressione e ha detto a Gizmodo che, poiché il protossido di azoto ha 'proprietà meccanicistiche simili', i ricercatori 'hanno ipotizzato che il protossido di azoto può anche essere un antidepressivo .' Può anche essere un'alternativa meno intensa alla ketamina, che è spesso associata ad allucinazioni simili a trance e può essere facilmente abusato . Questo potrebbe essere un punto di svolta per le molte persone che non rispondono ad altri antidepressivi. Secondo la ricerca pubblicato in Giornale Mondiale di Psichiatria , fino al 15% delle persone con diagnosi di depressione non risponde ai farmaci tradizionali e circa il 35% afferma che gli antidepressivi offrono solo un sollievo parziale. Gli individui che non rispondono ad almeno due diversi antidepressivi - che, nel complesso, tendono ad essere donne e anziani - potrebbero essere diagnosticati con depressione resistente al trattamento. 'Una cosa è diventata chiara, soprattutto dopo il successo della ketamina: è necessario trovare diversi meccanismi per modificare la funzione cerebrale nei pazienti con depressione,' Dr. Madhukar Trivedi, direttore del Center for Depression Research and Clinical Care presso UT Southwestern Medical Centro, ha detto a NBC News . 'Ciò che è stato sviluppato dai produttori di farmaci negli ultimi 25 anni non è sufficiente'.